Sulle ali della Vittoria: presentazione del libro sul monumento ai caduti di Traversetolo

sabato 28 maggio ore 17,00

Il 27 maggio 1923 Traversetolo si preparava per un evento da tempo atteso: l’inaugurazione della Vittoria angolare, ideata e realizzata da Renato Brozzi, e posta sull’edificio comunale per onorare i soldati morti durante il primo conflitto mondiale. Un progetto fortemente voluto dall’amministrazione comunale, dal mondo degli ex combattenti e da gran parte del paese, e a cui persino Gabriele D’Annunzio diede il proprio contributo. La Vittoria angolare fu uno dei primi monumenti in Italia ad usare l’immagine femminile – slanciata e gloriosa, simbolo del trionfo sul nemico ma anche della patria che si era rialzata dalle ceneri della guerra e rinasceva più forte di prima – per ricordare i caduti. Un monumento importante, dunque, non solo per la sua estetica ma anche perché esso costituì un passaggio decisivo nell’elaborazione fascista della memoria della Grande guerra. Il suo ricordo pubblico, infatti, divenne ben presto lo strumento ideologico con cui il nascente regime preparò la nazione e gli italiani alle altre successive guerre.

Per approfondire le diverse memorie della Grande guerra e la storia della Vittoria angolare e del suo artefice Renato Brozzi, il Centro studi movimenti di Parma, appoggiato e sostenuto dall’Amministrazione comunale, ha ideato e pubblicato il libro, scritto dalle ricercatrici Michela Cerocchi e Susanna Preo e dalla professoressa Anna Mavilla, Sulle ali della Vittoria. Renato Brozzi e la memoria della Grande guerra a Traversetolo.

La presentazione si terrà il 28 maggio alle ore 17 nella Corte della Biblioteca comunale i Traversetolo. Saranno presenti l’assessore alla cultura Nicola Brugnoli, le ricercatrici del Centro studi movimenti Michela Cerocchi e Susanna Preo e la professoressa Anna Mavilla.

Durante la presentazione verrà illustrata la nascita del libro che è frutto di una ricerca che ha avuto come prima tappa un progetto didattico che ha coinvolto le classi terze della scuola secondaria di primo grado di Traversetolo per l’anno scolastico 2014/2015.

Durante i laboratori Michela Cerocchi e Susanna Preo, condotte dalle insegnanti Francesca Bernini, Maria Chiara Cantarelli, Anita Casali e Paola Dotti, hanno approfondito con gli studenti gli anni della Grande guerra, dai dibattiti sull’intervento alla vita di trincea, dal ritorno dei reduci alle ferite lasciate da quel drammatico conflitto. Da lì si è partiti per indagare le caratteristiche della memoria, privata ma soprattutto pubblica, di quegli anni di guerra e dolori.

Le quattro classi hanno analizzato come, attraverso lo studio di diversi monumenti, questa memoria ha cambiato le proprie caratteristiche nel passaggio tra l’immediato dopoguerra e l’età fascista. Tutto questo approfondendo la loro storia locale, il monumento dedicato ai caduti del loro paese, la Vittoria angolare. Questo progetto si è intrecciato con gli studi e le pubblicazioni della professoressa Anna Mavilla che da anni ha approfondito la vita e l’arte di Brozzi. Così è nata l’idea di mettere su carta i risultati di questi studi. Il libro è suddiviso in tre saggi, nel primo si introduce il periodo storico legato alla Grande guerra con un’attenzione particolare alle pratiche di memoria messe in campo da attori diversi, privati e non, tra l’immediato dopoguerra e l’età fascista; nel secondo ci si immerge nella storia della Vittoria angolare, nella sua ideazione e progettazione, fino alla grande inaugurazione del 27 maggio del 1923; infine, nel terzo saggio, protagonista è l’artista traversetolese Renato Brozzi insieme alle sue opere. Questo libro, pubblicato grazie all’interessamento e al contributo dell’Assessorato alla cultura del Comune di Traversetolo e alla concreta e gentile collaborazione della sua Biblioteca, vuole essere uno strumento per i cittadini, per i ragazzi, per gli insegnanti e per tutti coloro che desiderano capire meglio quello che, alzando lo sguardo, vedono tutti i giorni.


Condividi su...

Proprietà dell'articolo
creato: martedì 17 maggio 2016
modificato: martedì 17 maggio 2016